Recidere

Standard

Ah, i rapporti umani!
Non ne possiamo fare a meno, o meglio, salvo il caso in cui non decidiamo di isolarci completamente e lasciare con un “adieu” il mondo civilizzato, probabilmente in un modo o nell’altro finiremo per allacciare volutamente o non, legami con individui della nostra stessa specie.
Vorrei fare una premessa: solitamente a me piace scrivere usando metafore o allegorie, lasciando ai lettori il piacere d’interpretare, ma badate bene, l’obiettivo vostro non è indovinare il significato che io do al testo, perché voi, amici miei, siete liberi d’interpretarlo come meglio credete, dando sfogo alle vostre emozioni e sensazioni.
In questo caso però, concedetemi di esser chiaro, e di far sì che queste parole si tramutino in un piccolo laghetto, che trovandosi in luogo sperduto e inaccessibile, non ha subito nessuna contaminazione da parte dell’uomo, rimanendo così limpido e puro come un bambinello ancora in fasce.

Ordunque, vi è mai capitato di dover troncare i rapporti con qualcuno?
Sì, è ovvio, che domande, però badate bene, io non mi sto riferendo alle erbacce, che si accumulano in continuazione nel nostro orticello, e ad essere sincero, nel doverle estirpare io mi diverto così tanto che lo vedo più come un hobby che come un lavoro.
Io mi sto riferendo a quei rapporti che vorremmo non finissero mai, ma che per un motivo o per un altro siamo obbligati a cancellare, costringendoci a malincuore a non dar retta alle lacrime e ad andare avanti.
No, non voglio richiamare alla vostra memoria nemmeno la rottura di una storia d’ amore andata a male, consentitemi di inserire quella situazione specifica nell’insieme delle erbacce, o se proprio vogliamo essere puntigliosi con i paragoni, nell’ insieme dei rami secchi, di cui oramai possiamo fare volentieri a meno.
Io parlo di quei legami che pur non essendo macchiati da nessuna impurità, vengono intaccati da alcune circostanze che rendono insostenibile il rapporto iniziale.
Ciò ci porta purtroppo, a dover compiere delle scelte che mettono la parola fine a quella situazione apparentemente idilliaca che vivevamo in precedenza con la persona con cui condividevamo tale rapporto.
A cosa mi riferisco?
Non c’è bisogno di fare una scaletta, avrete sicuramente avuto molte esperienze nella vita, forse più di quante ne abbia avute io, e nel fare un “rewind”, probabilmente indovinerete senza difficoltà alcuna i legami a cui alludo.
È come quando raggiungi l’età dell’adolescenza, e ti tocca buttar via quei balocchi appartenuti ad una fanciullezza oramai svanita, e forse in cuor tuo preferiresti non farlo….
Anche se a conti fatti, è la scelta migliore, o per meglio dire, la più matura.

null

Edmond L. Isgrò

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...