Archivi categoria: Riflessioni

Notturni

Standard

Ascoltare, credo sia il verbo che odio e al contempo amo maggiormente: amalgama i chiacchiericci senza tempo di ridondanti passanti, con le visionarie elucubrazioni di uomini estatici.
Io, nel passeggiare, sono un lettore che, come una boa, oscilla tra Fabio Volo e Marcel Proust.

 

 

Edmond L. Isgrò

L’ansia di una vita

Standard

Le hai contate, sì ne sono sicuro, lo hai fatto: tutte quelle volte che ti hanno rinfacciato ogni spasmo; ogni tuo rabbrividire; ogni qual volta che nervosamente ti mordevi a mano, e respiravi, coprendoti gli occhi, vergognandoti di un semplice pianto.

E ti ricorderai pure, di tutte quelle volte che hanno detto con durezza: “Metti ansia pure a me, vedi di calmarti”, e tu a mezza voce “mi dispiace”, mortificato.

Vedo lì, inchiodati su una croce, i tuoi sensi di colpa, per un qualcosa che forse, non riesci a spiegarti nemmeno tu; giacché, alla fine, chi deve convivere ogni giorno con quel battito accelerato, be’, sei proprio tu.

Le parole volano però, e si posano nelle vaste lande della nostra anima: crescono rovi, e ci cingono in una morsa, lasciandoci inerti su un letto, a specchiarci con il passato.

Convivere con un’ansia permanente non è semplice, perché per l’appunto, ogni gesto naturale, perde le proprie sfumature di semplicità.

Allora forse rimuginerai, e maledirai ogni volta che hai esitato; ogni volta che ti sei fermato; ogni volta che sei partito con il freno a mano tirato; ogni volta che hai rinunciato.

Eppure se andrai più a fondo, ricorderai che a causa di quel timore, vi sono stati anche dei momenti dove hai sbagliato; dove hai inciampato; dove hai maldestramente nuotato e sei quasi affogato.

Ti avranno detto probabilmente che l’ansia è di tutti e che bisogna lottare per porvi rimedio, verissimo, certo, ma ciò che hanno omesso, non volutamente, è che tutti siamo diversi, poiché a volte non ce ne rendiamo nemmeno più conto, vi è un razzismo latente perfino nelle diversità caratteriali.

Quindi, se l’ansia condiziona il tuo modo di vivere, il mio modo di vivere, perché dar questo privilegio anche al giudizio altrui?

Benché molto seccante, la nostra ansia non ha mai danneggiato nessuno, come invece possono esserlo state le parole e i gesti di qualcuno.

Prosegui con calma, la tua calma, e forse chi lo sa, commetterai qualche errore in più; tanto, a Giugno, mese che sublima la primavera e l’estate, da quei rovi fioriranno le more.

Edmond L. Isgrò

Un borsalino

Standard
Un borsalino

Già da un po’ di tempo, un mesetto su per giù, è sorto in me il capriccio di comprarmi un borsalino.
Ieri, mentre mi districavo tra la folla per fare ritorno a casa rimasi incantato nell’osservare il trilby di una signorina; abito che, notai prontamente, soleva portare sul capo con un pizzico di fierezza.
Viaggiare, adoro viaggiare, e se non è il mio corpo a muoversi, la mia testa compensa tale mancanza.
Mi concentrai quindi su quel grazioso copricapo, e osservando il feltro di cui era composto, sentii un odore di pelle trasportarmi in una fabbrica qualsiasi, tra un’altra moltitudine di uomini lontani: sarti e artigiani con una cultura e idee diverse dalle mie.
I miei occhi a quel punto si soffermarono sul canneté che avvolgeva quell’oggetto e la strada su cui muovevo i miei passi era di colpo diventata un piccolo ufficio ‘ove alcuni uomini, con solerzia invidiabile, cucivano quei piccoli capolavori.
Mi giro, e ritrovandomi magicamente al di fuori di quello stabilimento, vedo autovetture cariche di quella manifattura dirette chissà dove, verso grandi catene, o semplici negozietti di nicchia.
Passano al mio fianco quei lavoratori, ai quali sembra che la mia presenza sia del tutto ignara; osservo i loro volti, stanchi e stravolti, già me li immagino tornare a casa spossati, ma con ancora la forza di nascondere tra sorrisi e carezze, il peso della vecchiaia a mogli e figli.
Un odore di pelle mi attira di nuovo all’interno della fabbrica, su uno scaffale vi sono innumerevoli copricapi, ne prendo uno a caso, un trilby uguale in tutto e per tutto a quello posseduto da quella giovine donna.
La bolla di sapone scoppiò, ritornai dov’ero, il mio viso inebetito fissò ancora quel copricapo; un’antica pergamena si era distesa dinanzi a me, mostrandomi posti nuovi, vite diverse dalla mia, la loro routine, le loro frustrazioni, ma soprattutto, i loro volti.
Distolsi infine lo sguardo, la folla si strinse fino a soffocarmi; avevo viaggiato, senza saperlo, senza volerlo.

 

Edmond L. Isgrò

Delirio #2

Standard

<Che tedio, amico mio, che tedio.>>
<<E quando mai, pensa che quelle rare volte che ti vedo allegro, credo tu ti sia calato qualche pasticca!>>
<<Mado’ e poi sarei io quello pesante; sto solo dicendo che sono scocciato, tutto qui.>>
<<Non mi è nuova questa frase, avanti dimmi un po’, chi o cosa infastidisce indirettamente la tua vita? Ti disturba l’atteggiamento di qualcheduno? Pazienza! Ah no, è l’ipocrisia dietro quegli atteggiamenti a roderti… be’ caro mio, sappi che quelle inezie non danneggiano nessuno e se proprio vogliamo dirla lunga, potrei compilarti una lista con tutti i tuoi errori e visto che sei scocciato potrai passare il tempo leggendo qualcosa.>>
<<… sei completamente fuori strada, e poi non credere che io guardi solo al di là del mio cortile, magari avessi questa presunzione.>>
<<Non farmi ridere, non ti ho mai visto prendertela con te stesso, mai!>>
<<E scusami, questo cosa mi significa? Sappi che tra tutti, quello che maggiormente detesto, anzi schifo, sono proprio io; sì, le critiche più feroci le rivolgo solo e solamente a me stesso e non vi è alcun bisogno di doverle sbandierare ai quattro venti.>>
<<Dai, calmati e non esagerare, non è che tu sia un mostro, hai qualche difetto, come chiunque altro alla fine; anzi, sei una bravissima persona e anche un buon amico.>>
<<Eccolo là, un po’ di avvilimento e il tuo modo di fare cambia totalmente, siete tutti uguali. No, non mi servono i tuoi complimenti, odio ricevere complimenti, io non me li faccio, e quelli degli altri non mi toccano; preferisco una risata di scherno data dal primo beota di turno.>>
<<Tu sei un caso impossibile Ed, almeno dimmi perché ti “schifi” così tanto.>>
<<Come spiegartelo? È l’inerzia di cui soffro che mi fa male: mi sento chiuso in una cella e pur avendo in mano il chiavistello, non ho nemmeno la forza di girare nella toppa la chiave che aprirebbe quella maledetta serratura; il tempo scorre, e più passa, più mi rendo conto che il debito che ho con lui aumenta… e quando sarà il momento di saldare i conti non avrò nulla, se non questa chiave, che sarà mai arrugginita.>>
<<…>>
<<Ora capisci qual è il problema? Pensi ancora che io passi il tempo a guardare minuziosamente i comportamenti altrui? Che non martelli me stesso con un mare di critiche ogni cristo di secondo della mia vita?
Be’ ti sbagli, c’è solo una differenza tra me e gli altri: io non ho bisogno di scrivere all’altrui persona il motivo per cui mi detesto, perché ciò interessa solo me, e la mia persona lo sa già; per quanto riguarda gli altri, in che altro modo dovrei esprimermi? Dovrei forse girare per le strade con un megafono?>>
<<Oppure potresti semplicemente evitare di farlo, se ti senti “sporco” così tanto, a questo punto finiscila di martoriare gli altri, e scusami, dopo non ti innervosire se dico che pecchi di presunzione.>>
<<Ah, quindi seguendo il tuo ragionamento, nessuno a questo punto dovrebbe aprir bocca per criticare! Immagino tu ti stai rifacendo a quella frase che quel famoso tale disse “qualche” anno fa: “Chi è senza peccato scagli la prima pietra”. Infatti non seguo quelle parole, perché sono goffo, e la prima pietra mi cade sull’alluce, la seconda invece la scaglio; e per finire, riguardo al discorso sulla presunzione, be’, io espongo parole di scherno e di rabbia verso la mia persona, e per altri motivi compio lo stesso verso quella altrui; non mi ritengo superiore, anzi, metto tutti quanti allo stesso livello, avanti, dimmi dove sta la presunzione in tutto ciò!>>
<<In un modo o nell’altro, rigiri la frittata a tuo piacimento, ma se proprio vuoi sapere la mia opinione, non penso che gli altri ti ascolteranno, non sei nemmeno in grado di farlo da te.
Mi hai spiegato in minima parte perché ti detesti, e non credo che le tue stesse critiche siano riuscite a forzare quella “serratura”.>>
<<Touché… anche se ad essere sinceri, ci sto lavorando! Ma per il resto, mi hai colto in fallo, compare.>>
<<Lo so, si trova sempre un modo per scassinare una serratura, per quanto sia ingegnata a dovere, e nelle tue elucubrazioni ci sono falle disseminate qua e là.
Te lo ripeto comunque, anche se ti dà fastidio, sei un bravo ragazzo, accettalo, inoltre vorrei aggiungere anche un’altra cosa, sei altresì un gran coglione, ma con affetto!>>

 

Edmond L. Isgrò